Depo­siti in strati geo­lo­gici pro­fondi

Geologisches Tiefenlager

Al fine di garantire la protezione duratura dell’uomo e dell’ambiente dalle scorie radioattive, per lo smaltimento sicuro si è imposto il piano di stoccaggio finale nelle formazioni geologiche profonde. In tal modo è possibile isolare a lungo termine – cioè per millenni – le scorie radioattive dall’ambiente umano.

In Svizzera lo smaltimento di tutte le scorie radioattive avviene in conformità ai requisiti di legge e la legge federale sull’energia nucleare (LENu) prescrive lo smaltimento di tali rifiuti in depositi in strati geologici profondi. Il Gruppo di lavoro per modelli di smaltimento delle scorie radioattive (EKRA), costituito nel 1999, è giunto alla conclusione che il deposito in strati geologici profondi rappresenta l’unica soluzione di stoccaggio sicura a lungo termine. Progetti simili al piano di smaltimento svizzero sono stati adottati anche in altri Paesi (USA, Francia, Finlandia, ecc.).

Funzionamento di un deposito in strati geologici profondi

Un deposito in strati geologici profondi è un deposito nel sottosuolo geologico che può essere chiuso se è assicurata la protezione duratura dell’uomo e dell’ambiente per mezzo di barriere passive. È stato studiato che nelle formazioni geologiche stabili profonde, i processi e i cicli dei materiali sono estremamente lunghi: si estendono infatti su intere ere geologiche, vale a dire su diversi milioni di anni. In tal modo è possibile isolare a lungo termine le scorie radioattive dall’ambiente umano.

Un deposito in strati geologici profondi prevede molteplici e diverse barriere tecniche e naturali. Queste barriere vengono sfruttate per la loro capacità di confinamento e ritenzione delle scorie radioattive. Esse hanno un funzionamento passivo, ossia non necessitano di sorveglianza o manutenzione. La sorveglianza è tuttavia necessaria nella fase di costruzione, nella fase di esercizio e nell’eventuale fase di osservazione dopo la chiusura del deposito.

Un deposito in strati geologici profondi è costruito in maniera tale da permettere alla maggior parte delle scorie radioattive immagazzinate di decadere in sostanze non nocive all’interno del deposito nel corso del tempo. Non è tuttavia possibile, né necessario, l’assoluto confinamento di tutte le scorie per tutto il tempo a venire. L’intero sistema di deposito con barriere tecniche e naturali deve però garantire che i radionuclidi o altre sostanze nocive non fuoriescano in quantità pericolose tali da contaminare l’ambiente umano. Ciò deve essere dimostrato in maniera convincente con un’analisi della sicurezza, per la quale si dovrà tenere conto di tutte le possibili circostanze future che potranno interessare il sistema di deposito.

Un deposito geologico in strati profondi è costituito da un laboratorio sotterraneo, un deposito pilota e un deposito principale. Prima dell’inizio dei lavori di costruzione, nel luogo del futuro deposito in strati geologici profondi viene edificato un laboratorio sotterraneo. In questo laboratorio è possibile effettuare da subito esperimenti sulla roccia ospitante e verificare le caratteristiche della regione del sito. I lavori di costruzione delle altre parti del deposito (prima deposito pilota e poi deposito principale) inizieranno solo se i dati ottenuti avranno confermato il soddisfacimento degli elevati requisiti di sicurezza.

Nel deposito pilota saranno immagazzinate scorie equivalenti a quelle destinate al deposito in strati geologici profondi, dove saranno sorvegliate per un lungo periodo. Sia nel laboratorio sotterraneo, sia nel deposito pilota sarà possibile verificare importanti parametri ed ipotesi su cui si basa il progetto del deposito e delle barriere. Dopo il completamento della fase di studio del deposito pilota, comincia lo stoccaggio delle scorie radioattive nel deposito principale.

Due depositi per le scorie radioattive

In Svizzera saranno realizzati due depositi in strati geologici profondi: uno per scorie debolmente e mediamente radioattive (deposito SDM) e uno per scorie altamente radioattive (deposito SAA), nel quale saranno stoccate anche scorie a media attività di lunga durata. È anche possibile la realizzazione di un deposito combinato, ovvero due aree del deposito separate – una per scorie altamente radioattive ed una per scorie debolmente e mediamente radioattive – che utilizzano lo stesso impianto in superficie.

Un lungo percorso per giungere al deposito in strati geologici profondi

Un passo importante per la realizzazione di un deposito in strati geologici profondi in Svizzera è rappresentato dalla selezione dei siti idonei. La selezione dei siti è disciplinata dal cosiddetto «Piano settoriale dei depositi in strati geologici profondi». Dopo aver individuato un’area di ubicazione idonea, resta da percorrere ancora una lunga strada fino alla costruzione di un deposito in strati geologici profondi, allo stoccaggio delle scorie radioattive e infine alla chiusura definitiva e di tutti gli accessi. Le pietre miliari su questo percorso sono rappresentate dalle diverse fasi di autorizzazione relative alla costruzione, all’esercizio, all’osservazione e alla chiusura.

informazioni supplementari

Il progetto di ricerca internazionale Laboratorio sotterraneo del Mont Terri ha come obiettivo l’analisi delle caratteristiche geologiche, idrogeologiche, geochimiche e di meccanica delle rocce dell’argilla opalina. Tali caratteristiche sono determinanti per la valutazione della sicurezza e della fattibilità tecnico-costruttiva di un deposito in strati geologici profondi per scorie radioattive in queste rocce. Nel 2009 i […]

Continua a leggere

Vicino alla cittadina di St Ursanne nel canton Giura si trova il laboratorio internazionale sotterraneo del Monte Terri. In totale, 19 partner provenienti da Svizzera, Belgio, Canada, Francia, Germania, Giappone, Spagna e Stati Uniti conducono nel laboratorio sotterraneo delle ricerche sulle caratteristiche dell’argilla opalina, una delle potenziali rocce ospitanti per lo stoccaggio delle scorie radioattive. […]

Continua a leggere