L’autorità di sorveglianza IFSN

L’IFSN sorveglia gli impianti nucleari svizzeri: centrali nucleari, depositi intermedi per scorie radioattive e organismi di ricerca dell’Istituto Paul Scherrer (PSI) di Villigen, del Politecnico federale di Losanna e dell’Università di Basilea. La sua attività di sorveglianza copre tutti i settori, dalla progettazione all’esercizio, alla disattivazione degli impianti e allo smaltimento delle scorie radioattive.

La radioprotezione del personale e della popolazione come anche la sicurezza esterna, quindi la protezione da atti di sabotaggio e terrorismo, rientrano nelle sue attività ufficiali.

L’IFSN si occupa inoltre dei trasporti di sostanze radioattive dagli impianti nucleari e di quelli ad essi destinati, come anche degli esami geologici in vista dello stoccaggio in strati geologici profondi delle scorie radioattive.

L’IFSN promuove la ricerca sulla sicurezza nucleare, è rappresentata in più di 70 commissioni e gruppi tecnici internazionali che operano per la sicurezza dell’energia nucleare e lavorano attivamente allo sviluppo di direttive internazionali sulla sicurezza. Grazie a tutte queste reti, l’IFSN è costantemente aggiornato sullo stato della scienza e della tecnica e basa la sua attività di sorveglianza sulle esperienze realizzate nel mondo intero in materia di energia nucleare.

Articolo di notizie top

News

Per saperne di più

informazioni supplementari

150 collaboratrici e collaboratori dell’Ispettorato federale della sicurezza nucleare IFSN si impegnano ogni giorno in vari ambiti specialistici per la sicurezza nucleare della popolazione svizzera.

Continua a leggere

La Strategia energetica 2050 del Consiglio federale prevede una graduale eliminazione dell’energia nucleare. Anche in questa nuova prospettiva, l`IFSN continuerà a rivestire il proprio ruolo di organo amministrativo, politicamente ed economicamente indipendente dal Governo federale, per la sicurezza degli impianti nucleari.

Continua a leggere

Il successo delle attività di vigilanza dell`IFSN dipende in larga misura dalla qualità dei dipendenti. Non solo si considera la loro esperienza e le qualifiche professionali, ma anche i loro valori, il loro atteggiamento e la loro capacità di costruire un rapporto critico, ma anche costruttivo, con gli operatori e le parti interessate in ambito politico e sociale.

Continua a leggere

Altri informazioni supplementari

Documenti

Mostra tutti i documenti